1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Commento e parafrasi di "sono una creatura" di ungaretti

Discussione in 'Altre Materie' iniziata da gennifer, 8 Ottobre 2007.

  1. gennifer

    gennifer Primino Utente

    Messaggi:
    119
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    17
    mi servirebbe il commento più la parafrasi della poesia sono una creatura di giuseppe ungaretti grazie in anticipo a chiunque mi aiuta
  2. StudentVille Sponsorizzato

  3. Luca

    Luca Super Moderator Membro dello Staff Utente

    Messaggi:
    3.130
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Punteggio:
    49
    Ciao:)

    COMMENTO: il San Michele (luogo della poesia) è un monte del Carso ricordato per le sanguinose battaglie combattute durante la prima guerra mondiale, E' una zona aspra e arida. Formato da rocce porose, la pioggia non ha tempo a toccare terra che già viene assorbita dal terreno permeabilissimo. Simile all'acqua che viene immediatamente assorbita dal terreno è il pianto del poeta, un pianto senza lacrime, un dolore intimo che prosciuga l'anitna. Quasi come se la pace della morte si debba scontare con le sofferenze della vita.

    ANALISI DEL TESTO: è una poesia desolata, quasi a rispecchiare il paesaggio del Carso così arido, freddo. Troppo ha sofferto il poeta e la sua anima brucia ancora ma non ha più lacrime per piangere. Il suo dolore lo possiamo paragonare a quella pietra così senza vita. Vivere è uguale a soffrire, la sofferenza è uguale solo con la morte. I versi sono brevi e la immagini ridotte all'essenziale. Questo è uno stile completamente nuovo.

    Come questa pietrai due conte (fino all'inizio della poesia e l'altro all'inizio della seconda strofa) stabiliscono un rapporto tra il paesaggio
    del San Michelearido e il pianto del poeta che non si vede perché prosciugato dalla sua anima.
    così fredda
    così dura
    così prosciugataprosciugata sta a significare questa terra arida come gli occhi del poeta oramai senza lacrime
    così refrattariarefrattaria cioè che respinge ogni forma di vita come il poeta respinge ogni conforto
    così totalmente
    disanimataSenza nessuna forma di vita

    come questa pietrala pietra che non lascia acqua in superficie
    è il mio piantoe come il pianto dei poeta senza lacrime
    che non si vedeil pianto che non si vede cioè essendo, senza lacrime è chiuso nel suo cuore e perciò è più doloroso

    La mortela pace che ci aspetta con la morte
    si scontadeve essere pagata
    vivendocon le sofferenze della vita

    A presto:)
    Ultima modifica: 8 Ottobre 2007
  4. LaChiarinaBella

    LaChiarinaBella Primino Utente

    Messaggi:
    1
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    2
    Sono Una Creatura

    Come questa pietra
    del S. Michele
    così fredda
    così dura
    così prosciugata
    così refrattaria
    così totalmente
    disanimata

    Come questa pietra
    è il mio pianto
    che non si vede

    La morte
    si sconta
    vivendo

    Parafrasi

    Come questa pietra di S.Michele cosi fredda, cosi dura, cosi prosciugata, cosi resistente, cosi totalmente priva di vita.
    Come questa pietra è il mio pianto che non si vede.
    La morte si paga vivendo.

    COMMENTO
    COMMENTO: il San Michele (luogo della poesia) è un monte del Carso ricordato per le sanguinose battaglie combattute durante la prima guerra mondiale, E' una zona aspra e arida. Formato da rocce porose, la pioggia non ha tempo a toccare terra che già viene assorbita dal terreno permeabilissimo. Simile all'acqua che viene immediatamente assorbita dal terreno è il pianto del poeta, un pianto senza lacrime, un dolore intimo che prosciuga l'anitna. Quasi come se la pace della morte si debba scontare con le sofferenze della vita.

    ANALISI DEL TESTO: è una poesia desolata, quasi a rispecchiare il paesaggio del Carso così arido, freddo. Troppo ha sofferto il poeta e la sua anima brucia ancora ma non ha più lacrime per piangere. Il suo dolore lo possiamo paragonare a quella pietra così senza vita. Vivere è uguale a soffrire, la sofferenza è uguale solo con la morte. I versi sono brevi e la immagini ridotte all'essenziale. Questo è uno stile completamente nuovo.

    Come questa pietrai due conte (fino all'inizio della poesia e l'altro all'inizio della seconda strofa) stabiliscono un rapporto tra il paesaggio
    del San Michelearido e il pianto del poeta che non si vede perché prosciugato dalla sua anima.
    così fredda
    così dura
    così prosciugataprosciugata sta a significare questa terra arida come gli occhi del poeta oramai senza lacrime
    così refrattariarefrattaria cioè che respinge ogni forma di vita come il poeta respinge ogni conforto
    così totalmente
    disanimataSenza nessuna forma di vita

    come questa pietrala pietra che non lascia acqua in superficie
    è il mio piantoe come il pianto dei poeta senza lacrime
    che non si vedeil pianto che non si vede cioè essendo, senza lacrime è chiuso nel suo cuore e perciò è più doloroso

    La mortela pace che ci aspetta con la morte
    si scontadeve essere pagata
    vivendocon le sofferenze della vita


    spero di esserti stata di aiuto..

Condividi questa Pagina