1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Dopo la sconfitta di Canne

Discussione in 'Forum Versioni di Latino' iniziata da Maty05, 11 Febbraio 2008.

  1. Maty05

    Maty05 Primino Utente

    Messaggi:
    4
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    2
    Salve ragazzi..potete aiutarmi con la traduzione di questa versione per favore??..:D allora l'autore è I.Lhomond e s'intitola Dopo la sconfitta di Canne

    Post cladem Cannensem,Romani exercitus reliquiae Canusium perfugerant: cumque ibi tribuni militum quattuor essent,tamen omnium consensu ad Publium Scipionem admodum adulescentem summa imperii delata est. Tunc Scipioni nuntiatum est nobiles quosdam iuvenes de Italia deserenda conspirare. Statim in hospitium Metelli,qui conspirationis erat princeps,se contulit Scipio; cumque concilium ibi iuvenum invenisset,stricto super capita consultantium gladio "Iurate,inquit,vos neque rem publicam populi Romani deserturos,neque alium civem Romanorum deserere passuros;qui non iuraverit,in se hunc gladium strictum esse sciat." Tum illi pavidi iurant omens er custodiendos sese ipsos Scipioni tradunt.

    Aiutatemii per favoreeee:confused:
    Grazieeeeeeeeee in anticipo!!!:D
  2. StudentVille Sponsorizzato

  3. kikka78

    kikka78 Moderatore

    Messaggi:
    22.445
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Punteggio:
    47
    Dopo la sconfitta di Canne, i restanti eserciti romani si erano rifugiati a Canusio e essendoci qui quattro tribuni dei soldati, tuttavia per consenso di tutti venne dato il sommo impero a Scipione oltremodo giovane. Allora venne annunciato a Scipione che alcuni nobili giovani cospiravano di lasciare l'italia. Subito Scipione si recò come ospite di Metello che era il capo della cospirazione; avendo qui trovato l'assemblea dei giovani, sfoderata la spada sopra la testa dei (consultatium) disse: giurate che voi non abbandonerete mai lo stato del popolo romano, nè che alcun cittadino dei romani tenti di abbandonare, chi non avrà giurato, sappia che è sfoderata la spada sopra di sè. Allora tutti intimoriti giurarono e si affidano a Scipione per essere loro stessi custoditi.

Condividi questa Pagina