1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

presto!!!!!!!!!!!!!!!!!

Discussione in 'Forum Versioni di Greco' iniziata da Non registrato, 22 Giugno 2006.

  1. posso prendere la traduzione di luca?è fatta bene?
     
  2. StudentVille Sponsorizzato

  3. qual'e' la traduzione di luca non la trovo
     
  4. traduzione

    Pare che la traduzione sia questa anche se non so quanto sia attendibile
    Non e' da avvilire ne' da umiliare assolutamente la natura umana,come se nn avesse nulla di fermo,stabile e superiore alla stessa sorte;anzi,al contrario,ben sapendo che quanto e' guasto e caduco non e' che una piccola parte dll'uomo con la quale accoglie la sorte,ma che siamo noi stessi i padroni della parte migliore dove sono fondati i beni piu' grandi,le opinioni giuste,gli ammaestramenti e i ragionamenti che vanno afinire nella virtu',che hanno in se' una essenza che nn puo' essere portata via ne' distrutta,dobbiamo mostrarci imperterriti e coraggiosi di fronte al futuro,dicendo alla sorte le cose che socrate diceva ai giudici anche se sembra che le rivolgesse ai suoi accusatori,vale a dire che anito e amleto potevano ucciderlo,ma nn fargli del male.cosi' la sorte puo' avvilupparci nella malattia,sottrarci gli averi,calunniarci di fronte al popolo o al tiranno;ma nn puo' rendere malvagio,vile, meschino un uomo buono,coraggioso e generoso,ne puo sottrarciquella disposizione d'animo la cui presenza continua nei riguardi della vita vale di piu' di quella di un nocchiero rispetto al mare.



    Seconda parte!



    Dovremmo inoltre, con spirito indomito ed audace sicurezza per quanto riguarda il futuro, rispondere al Destino con le medesime parole che Socrate riferì ai propri giudici: “Potranno uccidere Anito e Melete, ma non potranno fare del male a me”. Così esso (il Destino) può colpirmi con la malattia, può spogliarmi delle mie ricchezze, può pormi in disgrazia col mio principe e sottopormi all’odio del popolo; ma non può rendere malvagio un uomo buono, o un un uomo coraggioso renderlo un codardo perfido e degenere..
     

Condividi questa Pagina