1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

verifica La cicala e la formica

Discussione in 'Forum Versioni di Latino' iniziata da Yamie, 13 Novembre 2007.

  1. Yamie

    Yamie Primino Utente

    Messaggi:
    19
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    2
    Me la correggi ?. Speriamo sia meglio delle altre.Ti prego dammi il voto. Mi sembrano sempre fatte piuttosto bene, ma mi sbaglio! Ho latino giovedì mattina. Mi basta quindi per domani sera. Grazie Ciao.
    Saepe potae in bestiis humanam naturam ostendunt. Itaque in atiquis fabulis rana est gloriosa, simia invidia, aquila superba, cerva timida. De formica sedula et cicala ignava nota fabella est. Formica adversam vitae fortunam non timet; nam industria et provida bestiola semper cursat, mira cum sollertia escam colligit et in latebris praedam coacervat et diligenter servat.
    Cicada contra pigra et improvida est: non solum vitam otiosam et sine curis ducit, sed etiam formicae diligentiam vituperat. Itaque, cum silvae atque herbae florent et terra benigna bestiis escarum copiam parat, ubique resonat acuta cantilena canorae cicadae. Sed cum terra violentis pluviis saevisque procellis perturbatur, fossarum aquae congelant, plantae nudae et herbae aridae sunt, formica magna escarum copia famem sedat, cicada vero famelica, quia escam non invenit, inedia consumitur.

    Spesso i poeti mostrano la natura umana negli animali. Perciò nelle antiche favole la rana è gloriosa, la scimmia è invidiosa, l'aquila è superba la cerva è timida. Nota è la favola della formica laboriosa e della cicala pigra. La formica non teme la sfortuna della vita, infatti la bestiola laboriosa e benevola corre sempre qua e là , con straordinaria abilità raccoglie il cibo e ammucchia il bottino nei nascondigli e lo conserva diligentemente. La cicala è invece pigra e imprevidente. Non solo conduce una vita inoperosa e senza preoccupazione, ma biasima anche la formica diligente. Perciò quando i boschi e le erbe crescono la terra generosa prepara un' abbondanza di cibi agli animali. dappertutto risuona l'acuta cantilena canora delle cicale. Ma quando la terra è perturbata da violente piogge e da crudeli tempeste, le acque dei fossati si congelano, le piante sono spoglie e l'erba è secca, la grande formica placa la fame con l'abbondanza di cibo, la cicala è invece affamata perchè non trova cibo e la fame la consuma.
    Ultima modifica di un moderatore: 14 Novembre 2007
  2. StudentVille Sponsorizzato

  3. kikka78

    kikka78 Moderatore

    Messaggi:
    22.445
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    47
    E' più che sufficiente. La prossima volta però usa lo schema per le richieste che trovi nella pagina principale di questo forum, agevoli il mio intervento. Grazie.

Condividi questa Pagina