1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Versione: Non si può combattere contro il destino

Discussione in 'Forum Versioni di Latino' iniziata da Shooter92, 13 Novembre 2007.

  1. Shooter92

    Shooter92 Primino Utente

    Messaggi:
    34
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    7
    Autore della versione: Valerio Massimo
    Libro da cui è presa: Latino di Tantucci, Roncoroni etc.
    Titolo della versione: Non si può combattere contro il destino
    Entro quando mi serve (molto importante): stasera martedi 13/11

    Testo in latino. (i primi 4 righi fino a morte non importano)
    Cum Croesus, ditissimus Lydiae rex, Apollinis oraculum interrogavisset, alterum e duobus i = "due", abl. plur. m.) filiis compèrìt, nomine Atym, ingenii agilitate et corporis dotibus praestantiorem, imperìique successioni destinatum, ferro perìturum esse acerbissima morte. Itaque ut vitaretur denuntiata clades numquam cessavit consulere: cum solérei iuvenis ad bella mitti, Croesus domi eum retinuit, et cum haberet amplissimum armamentarium, omnis generis telorum copia refertum, id quoque amoveri iussit. Quisquis gladio cinctus palatio praesidebat prohibìtus est ( = "ricevette il divieto di ...")propius accedere. Necessitas tamen aditum luctui dedit: cum enim ferocissimus aper, incredibili magnitudine, Olympi montis calta vastaret cum agrestium crebra strage et cantra inusitatum malum imploratum esset a rege awcilium, filius a patre facilius extorsit ut contro monstrum mitteretur, quod non dentis sed ferri saevitia in metu reponebatur. Sed casus se ostendit pertinacior quam patrìs sollertia et effecit ut dextra (sott. manus) nefariae caedis crìmine aspergeretur fidelìssimus ex comi-tibus, cui tutela filii a Croeso ipso mandata erat: dum acri studio urgent suem omnes et tela cantra feram coniciunt, lanceam in Atym perperam ille detorsit.



    Traduzione della Versione_____________________
    Per la Traduzione Completa clicca qui
     
    Ultima modifica di un moderatore: 8 Marzo 2012
  2. StudentVille Sponsorizzato

  3. kikka78

    kikka78 Moderatore

    Messaggi:
    22.445
    "Mi Piace" ricevuti:
    2
    Punteggio:
    47
    Creso, re assai ricco della lidia, avendo interrogato l'oracolo di Apollo, uno dei due figli, di nome Ate, assai prestante in agilità e in doti del corpo, destinato alla successione del potere, sarebbe stato ucciso con una violentissima molte. E così per evitare l'annunciata strage non cessò mai di consultare: poichè il giovane era solito andare in guerra, Creso lo trattenne in casa, e avendo un amplissimo armamentario, composto da abbondanza di dardi di ogni genere, ordinò che questo fosse portato via. Chiunque presiedeva al palazzo cinto di spada ricevette il divieto di accedere (cerca proprius). Tuttavia la necessità diede adito al lutto: devastando un feorcissimo cinghiale, di incredibile grandezza, (cerca calta) del monte olimpo con una strage di (agrestium) e essendo stato implorato un male inusitato dal re, il figlio convinse il padre facilmente affinchè fosse mandato contro il mostro, poichè la crudeltà era riposta nel timore non dei denti ma del ferro.
    Ma per caso si mostrò più (pertinax) della (sollertia) del padre e fece in modo che la mano destra fosse macchiata da un nefasto crimine il più fedele tra i compagni a cui il re Creso aveva affidato la tutela del figlio: mentre con acre impegno (urgent) tutti e gettano i dardi contro la bestia, quello (detorsit) la lancia contro Ate.
     
  4. pikkola10_94

    pikkola10_94 Primino Utente

    Messaggi:
    7
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    2
    graze mille sei stata di aiuto anke a me
     
  5. marcocuto

    marcocuto Primino Utente

    Messaggi:
    4
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    2
    grazie anche da parte mia
     

Condividi questa Pagina