1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Versione: Ritorno in patria di Alcibiade

Discussione in 'Forum Versioni di Latino' iniziata da °Giovanni°, 21 Luglio 2008.

  1. °Giovanni°

    °Giovanni° Primino Utente

    Messaggi:
    75
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    7
    Ciao! mi servirebbe la traduzione di questa versione dal punto che ho evidenziato in grassetto in poi, grazie.

    Alcibiadi et collegis cum obviam universa civitas in piraeum descendisset, tanta fuit omnium exspectatio Alcibiadis ut ad eius triremem vulgus conflueret, quasi solus advenisset. Populo enim erat persuasum adversas res superiores et praesentes secundas eius opera accidisse. Itaque Siciliensem cladem suae culpae tribuebant, quod talem virum e civitate expulissent. Neque sine causa id sibi persuaserant. Nam, postquam exercitui ille praeesse coeperat, neque mari neque terra hostes pares Atheniensibus esse potuerant. Ut ille navi egressus est, quamvis Theramenes et Thrasybulus eidem rei praefuissent, tamen unum omnes illum prosequebantur et coronis aureis aeneisque eum donabant. Illi, pristini temporis acerbitatem reminiscenti, talis civium benevolentia magnae laetitiae erat.
     
  2. StudentVille Sponsorizzato

  3. kikka78

    kikka78 Moderatore

    Messaggi:
    22.445
    "Mi Piace" ricevuti:
    2
    Punteggio:
    47
    E così (Siciliensem) attribuivano la sconfitta alla loro colpa di aver cacciato tale uomo dalla città. E non senza ragione si convinsero di questo. Infatti, dopo che quello aveva iniziato a (preesse) all'esercito, i nemici non potevano nè per mare nè per terra essere pari agli ateniesi. Come quello sbarcò, sebbene Teramene e Trasibulo fossero a capo della stessa cosa, tuttavia tutti seguivano solo quello e gli donavano corone di oro e bronzo. Quello, ricordando la difficoltà del passato, era molto felice di tale benevolenza dei cittadini.
     

Condividi questa Pagina