Cicerone cade in disgrazia di Antonio

Discussione in 'Forum Versioni di Latino' iniziata da *Alessia*, 5 Maggio 2008.

  1. *Alessia*

    *Alessia* Primino Utente

    Messaggi:
    84
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    7
    Cicero post Caesaris caedem verebatur ne Antonius,re publica eversa,rerum potiretur atque tyrannidem institueret.Itaque omnes qui rei publicae libertati studebant cohortabatur ut Antonio resisterent;quin etiam in sentu vehementissimas orationes pronuntiavit,quibus adversarii iram exacuit;praeterea Brutum et Cassium,Caesaris interfectores,ad bellum contra eum incitabat et Octavianum,Caesarisheredem,in partes senatus inducere conabatur.Sed eius consilia irrita fuerunt.Octavianus enim cum Antonio Lepidoque foedus fecit ut inter se imperium dividerent.Mox triumviri,Roma occupata,inimicos suos persecuti sunt. Antonius ipse milites misit qui Ciceronem interficerent.Hic,triumvirorum adventu,Roma clam egressus erat et transversis itineribus in litus apud villam saum pervenerat,ut navem conscenderet.Sed cum venti adversi essent,ad villam regressus est dicens:"Non fugiam,sed moriar in patria saepe servata." Antonii satellitibus apptopinquantibus,Cicero servis suis,qui fortiter fideliterque dimicare parati erant,imperavit ut caput praeciderent.
     
  2. kikka78

    kikka78 Moderatore

    Messaggi:
    22.445
    "Mi Piace" ricevuti:
    10
    Punteggio:
    49
    Cicerone dopo la morte di Cesare temeva che Antonio, distrutta la repubblica, si impadronisse del potere e ponesse la tirannide. E così esortava tutti quelli che si impegnavano alla libertà dello stato a opporti ad Antonio, pronunciò anche orazioni veementissime in senato, con cui (exacuit) l'ira dell'avversario, inoltre incitava contro quello Bruto e Cassio uccisori di Cesare e cercava di portare ottaviano, erede di Cesare, nelle parti del senato. Ma i suoi piani furono inutili. Ottaviano infatto fece un patto con Antonio e Lepido per dividere tra loro il potere. Subito i triumviri, occupata roma, perseguirono i loro nemici. Antonio stesso mandò soldati per uccidere cicerone.


    aspetta che la finisco.
     
  3. kikka78

    kikka78 Moderatore

    Messaggi:
    22.445
    "Mi Piace" ricevuti:
    10
    Punteggio:
    49
    Hic,triumvirorum adventu,Roma clam egressus erat et transversis itineribus in litus apud villam saum pervenerat,ut navem conscenderet.Sed cum venti adversi essent,ad villam regressus est dicens:"Non fugiam,sed moriar in patria saepe servata." Antonii satellitibus apptopinquantibus,Cicero servis suis,qui fortiter fideliterque dimicare parati erant,imperavit ut caput praeciderent.
    Questo, all'arrivo dei triumviri, uscì di nascosto da roma e con itinerari trasversali era giunto sulla costa presso la sua casa per imbarcarsi. Ma essendo i venti contrari, tornò a casa dicendo: non fuggirò, ma morirò in patria spesso salvata. Avvincinandosi le guardie di Antonio, Cicerone ordinò ai suoi servi che erano pronti a lottare fortemente e fedelmente, di tagliargli la testa.
     

Condividi questa Pagina