Condizione della donna nell'epoca fascista

Discussione in 'Storia' iniziata da CopioAppunti, 1 Luglio 2013.

  1. CopioAppunti

    CopioAppunti Primino Utente

    Messaggi:
    49
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    7
    Qual era la condizione della donna nell’epoca fascista?
     
  2. Matteo

    Matteo Amministratore

    Messaggi:
    641
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    27
    Il fascismo si fece promotore di un ritorno ai costumi tradizionali dell’Italia contadina e per questo propagandò l’immagine della donna come angelo del focolare, attribuendole una nuova importanza anche in relazione alla politica demografica di espansione che portava avanti: la donna infatti era vista soprattutto come madre, circondata da una schiera numerosa di figli. Cercò di bloccare quindi il processo di emancipazione femminile, provando a ostacolare il lavoro delle donne, senza però ottenere grande successo. Furono istituite numerose associazioni che avrebbero dovuto inquadrare le donne e indottrinarle al nuovo stile di vita promosso dal regime: I fasci femminili, le Piccole e le Giovani Italiane e le Massaie rurali. Tali organizzazioni si rivelarono poco vitali e non riscossero grande consenso. La condizione della donna durante il fascismo - Terza Prova - Storia - Appunti - StudentVille.it
     

Condividi questa Pagina