Penziere mieje...

Discussione in 'Vita Scolastica' iniziata da EDFP, 15 Ottobre 2010.

  1. EDFP

    EDFP Primino Utente

    Messaggi:
    1
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    2
    Penziere mieje, levàteve sti panne,
    stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.
    Si nun tenite n'abito sicuro,
    tanta vestite che n'avit' 'a fa?

    Menàteve spugliate mmiez' 'a via,
    e si facite folla, cammenate.
    Si sentite strillà, nun ve fermate:
    nu penziero spugliato 'a folla fa.

    Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,
    e quanno 'e piede se sò cunzumate:
    un'ànema e curaggio, e ve menate...
    nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

    Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.
    Ce sta sempe nu tizio canusciuto,
    ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...
    e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

    mi sapete dire il significato di questa splendida poesia???
     
  2. Ele

    Ele Studente Utente

    Messaggi:
    1.777
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    47
    premettendo che non so in che lingua è scritta:))) potrei dire che l'autore intende far vagare i suoi pensieri spogli, fregandosene di quello che pensa la gente...però dice anche di non fermarsi ad un grido...un pò come facciamo noi con le situazioni difficili: il poeta intende dire che non bisogna fermarsi, è necessario proseguire per la propria strada...
    Un pò come una barca in mezzo al mare, sì ci può essere una tempesta, ma alla fine quella riesce ad arrivare alla propria meta(la tempesta sarebbe la folla, nella poesia)

    spero di esserti stata utile, anche se non avrei capito na mazza se avessi dovuto prendere delle parole-chiave.
    bacio.
     

Condividi questa Pagina